Home » Cronaca » I parrucchieri di via Picardi, Michele e Saverio abbassano la serranda dopo 54 anni di onorato servizio

I parrucchieri di via Picardi, Michele e Saverio abbassano la serranda dopo 54 anni di onorato servizio

Michele e Saverio nel loro salone di via Picardi

Vorrei proprio dedicare queste quattro righe a Michele e Saverio Evangelista, che alla fine del 2017 lasceranno definitivamente la loro bella attività di Maestri d’Arte in acconciature maschili.
Nel farlo, intendo dedicare un pensiero a quanti, come questi ben noti fratelli, hanno seguito lo stesso percorso, lasciando la loro amata terra del Sud e tutti i loro affetti, per venire a Sesto San Giovanni, facendola diventare grande e piena di storia.
Michele e Saverio, nati entrambi a San Ferdinando di Puglia (FG) il 27 settembre del 1940 il primo e il 3 agosto del 1944 il secondo, si trasferiscono giovanissimi a Sesto San Giovanni, nel 1956 Michele e nel 1958 Saverio. Del resto, si sono comportati allo stesso modo di migliaia di nuovi cittadini sestesi dell’epoca, pensando per prima cosa a mettersi a lavorare. Dapprima, come parrucchieri dipendenti, dopo pochi anni (1963) aprendo il loro primo salone di barbiere in via Picardi, dove ha avuto inizio la loro avventura imprenditoriale.
Va detto subito, che la loro intraprendenza comincia a conseguire grande successo, premiando i due fratelli parrucchieri, verso cui si rivolgono sempre di più, fasce di clienti di ogni ceto sociale. Va anche rammentato, che nella concezione popolare, un salone di barbiere, é stato sempre percepito alla stregua di un salotto buono, dove apprendere e raccontare tante storie e forse anche fantasiosi pettegolezzi della vita cittadina. Senza dubbio, é stato così per il salone dei fratelli Evangelista, al punto che, chi aveva bisogno di farsi bello e presentabile, soprattutto prima di una festa o di un evento di famiglia, si recava con fiducia da Michele e Saverio. Sotto le feste di natalizie, ad esempio, i due fratelli parrucchieri di via Picardi, usavano far stampare dei piccoli e profumati calendari da regalare alla clientela. Per i più curiosi, aggiungiamo, che questi calendari colorati contenevano donnine succinte e invitanti, che colpivano la fantasia erotica di quasi tutti i maschi che frequentavano il salone dei fratelli Evangelista.
Nel frattempo, l’intraprendenza professionale di Michele e Saverio, cresceva a vista d’occhio, tanto che le collezioni di Diplomi, Medaglie e Attestati, crescevano, coprendo le pareti del loro negozio. Per citarne solo alcuni, ancora oggi in bella vista nel salone della Rondinella, il Diploma di Maestro d’Arte, conseguito nel 1978 da Michele e da Saverio nel 1980. E ancora, l’Ambrogino d’Oro, ricevuto del 1993, il riconoscimento dell’Accademia Nazionale Acconciatori Maschili del 1973 e il prestigioso Diploma, conquistato al Decimo Campionato Nazionale Acconciatori di Ancona (1974). Non meno importante, però, é stata l’attività relativa alla Formazione Professionale dei giovani a cui i fratelli Evangelista si sono sempre dedicati creando e facendo crescere tantissimi apprendisti parrucchieri, che poi, una volta acquisito il mestiere, si sono messi in proprio.
Ultima annotazione carpita ai due illustri hair stylist della Rondinella, è la breve dichiarazione, rilasciata su nostra insistenza, che riguarda il loro comune sentimento di ringraziamento, rivolto alla fedele clientela, per le tante soddisfazioni e attestazioni di stima e amicizia ricevute. Infine, anche se a denti stretti, la loro unica amarezza, nell’osservare, che oggi, la vera professione, come s’intendeva ai vecchi tempi, sta ormai lasciando il passo all’improvvisazione e ai maldestri tentativi di voler svolgere un mestiere senza una seria preparazione.
Ai due nostri carissimi amici e Maestri d’Arte Michele e Saverio, il nostro sentito ringraziamento!

 

Mario Guerrisi

Circa specchiosesto

Controlla Anche

11 settembre: la Città metropolitana di Milano ricorda le vittime

Questa mattina alle 11, si terrà la commemorazione delle vittime degli attentati di Ground Zero …

Lascia un commento