Al Mudec tutti i segreti del faraone Amenofi II. E per i bimbi la guida d’eccezione è Geronimo Stilton

I segreti e i misteri custoditi dalla tomba di un grande faraone da sempre hanno il potere di affascinare e intimorire. Grandi e piccini. Proprio per questi ultimi è pensato l’appuntamento proposto mercoledì 1 novembre (h15 e h16.30) dal Mudec-Museo delle Culture di Milano: una visita animata per bambini da 6 a 11 anni che, nelle vesti di piccoli esploratori, potranno aggirarsi tra sculture e sarcofagi e svelare un antico mistero. A far loro da guida sarà l’intrepido giornalista-detective Geronimo Stilton, pronto a scoprire tutti i segreti del faraone Amenofi II e dell’Età dell’oro dell’antico Egitto.
Un argomento che dal giorno dell’apertura della mostra “Egitto – La straordinaria scoperta del faraone Amenofi II”, lo scorso 13 settembre, sta interessando un numero crescente di visitatori, come dimostra il successo dell’allestimento ospitato al Mudec fino al 7 gennaio 2017, realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano e il Gruppo 24 Ore Cultura.
Perché se tutti hanno sentito parlare almeno una volta del potente Cheope, del sovrano fanciullo Tutankhamon, del longevo Ramses II e delle affascinanti Hatshepsut e Cleopatra, non tutti conoscono la fulminea storia del giovane faraone Amenofi. E la mostra allestita al Mudec è davvero un’occasione unica per scoprire i segreti della sua vita, provando anche a giocare un po’ agli esploratori, proprio come fece l’archeologo Victor Loret (1859-1946), scopritore nel 1898 della tomba di Amenofi II (1427-1401 a.C.).
Figlio del faraone conquistatore, Thutmosi III, Amenofi salì al trono diciottenne, dopo una breve coreggenza, e vi rimase per oltre venti anni, conducendo ben tre campagne militari in Asia. Condottiero valoroso, abile tiratore con l’arco e infaticabile timoniere, Amenofi si svela attraverso gli oggetti presenti alla mostra: statue, stele commemorative, armi. Ma non solo, la mostra espone infatti anche manufatti che parlano della vita quotidiana delle classi sociali più vicine alla corte del faraone: vasellame, specchi, pettini. Ampio spazio è naturalmente dato alla concezione funeraria nell’antico Egitto, con pannelli e touch-screen interattivi con dettagliate spiegazioni del processo della mummificazione.
Infine si arriva al cuore pulsante della mostra: la sala a pilastri – perfettamente ricostruita – della tomba di Amenofi II, dove a spiegare il ritrovamento della sepoltura nella Valle dei Re, sono proprio i documenti originali dell’archeologo Victor Loret, dal 2003 proprietà dell’Università Statale di Milano.
Info: Mudec Museo delle Culture via Tortona 56 Milano – orari mercoledì 1 novembre visite animate per famiglie ore 15.00 e 16.30. Info e prenotazioni: 0254917 – www.mudec.it/ita

Francesca Paciulli

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Milano, Settis presenta il nuovo libro ‘Raffaello tra gli sterpi’

Il fascino ardimentoso che le rovine dell’antica Urbe suscitano ancora su di noi, dopo secoli …

Lascia un commento