Papa Francesco in Colombia, un lettore: quanti spunti anche per il nostro paese

Gentile direttore,
Ho seguito in questi giorni il viaggio di papa Francesco in Colombia,  un paese che  tra droga, omicidi e  guerra interna (tra Farc e  governativi) “annegava nel proprio sangue” e che finalmente ora sembra stia vivendo un nuovo inizio, a cominciare dalla classe dirigente (il presidente è premio Nobel per la pace) per finire alle varie formazioni civili. Quella Colombia di Escobar, sì, dei cartelli mondiali della droga! Se un paese così ha ritrovato se stesso – mi son detto – è perché ha ritrovato la speranza, desidera un futuro, vuole costruire per i figli e i nipoti e gli altri … insomma ciò che “sembra” mancare a noi italiani e soprattutto europei.
Certi passaggi dei discorsi di papa Francesco andavano bene giusto anche per noi, che non abbiamo un conflitto armato in corso ma che pure abbiamo problemi gravi e ritardi endemici (l’estate degli incendi, della siccità, dissesto idrogeologico) con una classe politica “distratta”o, forse, girata da un’altra parte e una società civile delusa,convinta che  nulla cambierà.
“Gli ambienti di disperazione e incredulità fanno ammalare l’anima, ambienti in cui non si trovano vie d’uscita ai problemi, anzi,  dove si boicottano quelli che cercano di trovarle e danneggiano la speranza di cui ogni comunità ha bisogno per andare avanti. Che le vostre aspirazioni e i vostri progetti diano ossigeno alla Colombia… sognate, muovetevi, andate avanti. Non abbiate paura! Solo così troverete il coraggio di scoprire il Paese che si nasconde dietro le montagne: quello che va oltre i titoli dei giornali e non rientra nelle preoccupazioni quotidiane perché è tanto lontano. Quel Paese che non si vede e che fa parte di questo corpo sociale che ha bisogno di voi: voi giovani siete capaci di scoprire la Colombia profonda.” Così si è rivolto il pontefice ai 20 mila giovani raccolti in piazza Escobar a Bogotà.
Grazie per l’attenzione

Giuseppe Emmolo

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Strisce blu, manifestazione pubblica di protesta organizzata da Gianpaolo Caponi

Non si placa in città il dibattito sul nuovo piano della sosta a pagamento al …

Lascia un commento