Morte Amri, Di Stefano: giusta richiesta archiviazione

“Giusta e opportuna”. Così Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni, commenta la richiesta di archiviazione della Procura di Monza in merito al procedimento sulla morte del killer del mercatino di Natale di Berlino Anis Amri perché gli agenti che gli spararono alla Stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni si trovarono in una ‘evidente’ condizione di legittima difesa. “Colgo ancora una volta l’occasione per ringraziare i due agenti del Commissariato di Sesto San Giovanni – aggiunge Roberto Di Stefano – e più in generale tutti gli uomini e le donne che nella mia città e in tutto il Paese operano quotidianamente per garantire sicurezza. Ribadisco altresì che il Comune di Sesto San Giovanni, non sborserà neppure un euro per le spese post-mortem per il mostro di Berlino”. L’affermazione del sindaco fa riferimento alla richiesta del Comune di Milano di pagare la fattura di 2.160 euro riguardante il deposito della salma di Amri per sei mesi presso l’obitorio del capoluogo.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

‘Quattro motori per l’Europa’, la sestese Giulia Agnelli sul podio con la delegazione lombarda

Sabato 15 giugno si è tenuto a Mortara la prestigiosa manifestazione sportiva ‘Quattro motori per …

Lascia un commento