Home » Cronaca » Progetto controllo di vicinato, in autunno presentazione su larga scala

Progetto controllo di vicinato, in autunno presentazione su larga scala

Un autunno caldo attende i coordinatori dei gruppo di controllo di vicinato di Sesto San Giovanni. Gli stessi gruppi che in un anno di attività hanno consentito di sventare furti, mettere in guardia da truffe e segnalare situazioni di degrado urbano. E ora si passa alla fase successiva, quella dell’istituzionalizzazione. Ad annunciarlo sono i due coordinatori e anima del progetto Paolo Rosellini e Ghislaine Ravelli che, insieme alla lista civica Sesto nel Cuore (i gruppi sono nati proprio in seguito a una petizione proposta dalla lista civica sulla sicurezza), al sindaco Roberto Di Stefano e al vicesindaco Gianpaolo Caponi, presenteranno i dettagli del progetto in autunno. Tre le date per la presentazione su larga scala: il 5 e 19 ottobre e il 9 novembre.
“Con l’evoluzione di questo progetto, tramite gli amministratori di condominio – spiegano Rosellini e Ravelli – integreremo i gruppi Whatsapp gia esistenti in tutti gli stabili che vorranno aderire per poi essere centralizzati e collegati con la polizia municipale e le forze dell’ordine”.
Gli stabili dove il controllo del vicinato sarà attivo saranno riconoscibili grazie a dei cartelli esposti nelle strade dall’amministrazione condominiale. Ma non è tutto: verranno poi proposti progetti per la video-sorveglianza nei condomini e saranno istituiti corsi antitruffa per le fasce di popolazione più debole.
“La sicurezza partecipata dei cittadini – conclude Rosellini – e la collaborazione con le istituzioni è un nodo fondamentale per la sicurezza della città”.
Oggi si contano oltre 1.300 iscritti – tra residenti e commercianti – ai 10 gruppi Whatsapp per la sicurezza in altrettante zone di Sesto San Giovanni, ma per raggiungere una copertura totale del territorio l’obiettivo è arrivare almeno a diecimila iscritti.
“Chi desiderasse aderire, ovviamente a costo zero – concludono Ghislaine Ravelli o Paolo Rosellini – può contattarci tramite facebook, con messaggio privato”.

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

La salma di Anis Amri seppellita nella sua città natale in Tunisia

Giunta in Tunisia lo scorso 30 giugno, dopo essere rimasta per lungo tempo all’obitorio di …

Lascia un commento