Home » Salute » Testo unico in materia d’amianto, riunione del coordinamento nazionale
Un momento della riunione

Testo unico in materia d’amianto, riunione del coordinamento nazionale

Una due giorni di assemblea, lo scorso 20 e 21 luglio a Sesto San Giovanni per fare esaminare e discutere la bozza del DDL N. 2602 (Testo Unico in materia d’amianto) elaborato su iniziativa della commissione d’inchiesta sugli infortuni sul lavoro e malattie professionali. Alla riunione del Coordinamento Nazionale Amianto erano presenti numerosi associazioni, tra le quali ContrAmianto di Taranto, il Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio di Sesto San Giovanni (nei suoi locali si è tenuto l’incontro), il Gruppo Aiuto Mesotelioma di Lecco e lo Sportello Amianto.
Tutti concordi nel considerare la bozza del DDL negativa in quanto il T.U. oltre a non rispecchiare quanto negli anni richiesto da associazioni e comitati delle vittime, costituirebbe un arretramento rispetto ad alcune normative vigenti conquistate. “In particolare il nostro giudizio negativo si incentra sul ruolo dell’INAIL per il suo evidente conflitto di interessi – spiegano dal Coordinemanto nazionale aminato -, essendo sia ente accertatore delle malattie professionali che ente erogatore. Cosa chiediamo? Che sia un altro ente ad accertare e certificare le malattie professionali”.
E ancora: “Il TU mantiene l’ammissibilità del limite delle 100 fibre litro per l’esposizione all’amianto; noi chiediamo invece che si operi per giungere al rischio zero; per quanto riguarda il tema della giustizia verso le vittime dell’amianto e non solo, noi chiediamo l’abolizione dei termini della prescrizione per i procedimenti che li riguardano e il gratuito patrocinio per tutti i soggetti ed esenzione dalla condanna alle spese processuali e legali in caso di sentenza negativa o di rigetto”.
Sui questi e altri punti discussi in sede assembleare le Associazioni chiederanno un incontro alla Commissione che ha redatto il TU e un incontro urgente al Ministro della Giustizia e al Consiglio Superiore della Magistratura.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Pazienti cronici, il 29% dei medici dell’AtsMilano si candida alla presa in carico

“Oggi è una bella giornata per la sanità lombarda. Nonostante le difficoltà e le resistenze di alcune …

Lascia un commento