Home » Salute » L’angolo del counselor/ Il contesto e il possibile cambiamento

L’angolo del counselor/ Il contesto e il possibile cambiamento

Claudia Muccinelli Counselor

Ho raccolto diverse testimonianze, di un particolare fenomeno, che vorrei condividere con voi: le strane reazioni di amici, partner e parenti, quando una persona annuncia di voler iniziare, o aver già iniziato, un percorso di crescita personale, o un percorso di psicoterapia.
Perché “strane reazioni”? Perché, teoricamente, amici, partner e parenti dovrebbero essere solo contenti, se una persona decide di fare qualcosa per sé, per sentirsi meglio, per crescere. Invece, a volte questa decisione incontra resistenze, più o meno velate, o addirittura anche aperta ostilità. Ci sono persone che hanno interrotto questo tipo di percorsi personali, per ostilità della famiglia, o del partner. Questo fenomeno può capitare anche quando una persona decide di intraprendere o continuare un percorso di studi.
Come mai succede questo? Mi viene in mente una citazione da “L’alchimista” di P. Coelho: “Quando si vedono sempre le stesse persone alla fine queste cominciano a far parte della nostra vita. E quando divengono parte della nostra vita, cominciano anche a volerla modificare. Se non ci comportiamo come loro si aspettano, si irritano”. Parenti, partner ed amici, fanno parte della nostra vita. E noi, a nostra volta, facciamo parte della loro, di vita.
Un percorso di studi, o di crescita personale, o una terapia, rappresentano un’esperienza nuova, che teoricamente potrebbe cambiarci. Potremmo non essere più le stesse persone, e quindi, magari anche la relazione potrebbe cambiare. E quindi potrebbe cambiare, di riflesso, anche la loro, di vita.
Spesso questo comportamento è mascherato da “buoni consigli”: “Io lo dico per il tuo bene”, “Non hai pensato a tutte le possibili conseguenze”, “Non credo sia la soluzione giusta per te”.
Dietro questi consigli “di buon senso”, c’è davvero il buon senso comune (e anche questo non è un bene, perché presuppone una posizione one up-one down, dove l’amico o il parente “sa come va il mondo”, mentre noi no … ), oppure c’è questa forma di paura del cambiamento?
Cosa ne pensate?

Claudia Muccinelli
Counselor

 

Per domande, commenti e per inviare le proprie lettere è possibile rivolgersi all’Angolo del counselor inviando una mail a claudia_muccinelli@yahoo.it, indicando anche se si desidera che il proprio nome venga pubblicato o meno.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Novanta anni di Pelucca festeggiati in compagnia dei Legnanesi

Giovedì 12 ottobre, Teatro Rondinella stracolmo di sestesi per festeggiare il novantesimo anniversario di attività …

Lascia un commento