L’Università Bicocca lancia gli Open Badge per i corsi di laurea

L’Università di Milano-Bicocca sarà il primo ateneo italiano a certificare la laurea con un Open Badge. International economics e Marine sciences, questi i primi corsi di studio magistrali che rilasceranno l’attestazione digitale erogata sulla piattaforma Bestr del Cineca, ai quali seguiranno altri 68 badge per tutti gli altri corsi di laurea.
I nuovi Open Badge saranno erogati per la prima volta ai laureati del corso di studi magistrale in lingua inglese in International economics, attivo dall’anno accademico 2015-2016. Nel 2018 sarà la volta del badge per la laurea in Marine sciences che verrà attribuito a chi completerà il corso di laurea magistrale, attivato per la prima volta nell’anno accademico 2016-2017, che prevede anche un periodo di studio presso il centro di ricerca MaRHE Center, alle Maldive.
Un terzo attestato entra a far parte del ventaglio di certificazioni elettroniche dell’Università Bicocca, che sale così a 72 badge. Si tratta dell’Open Badge International student che sarà rilasciato a chi completerà uno o più periodi di studio all’estero nell’ambito dei programmi di mobilità internazionale.
Utilizzati fino a oggi per la valorizzazione delle abilità trasversali degli studenti, gli Open Badge attestano ora in versione digitale anche le competenze acquisite col percorso di studi e il titolo conseguito. Come tutti gli Open Badge erogati sulla piattaforma Bestr, anche i nuovi badge Bicocca sono riconosciuti a livello internazionale e possono essere usati nei curricula elettronici e sui social network per essere più competitivi nel mercato del lavoro.
«I badge che certificano le lauree e il badge International student – spiega il professor Paolo Cherubini, prorettore alla Didattica dell’Università di Milano-Bicocca – sono la prima tangibile manifestazione della politica di open recognition internazionale su cui la Bicocca si è impegnata firmando – per prima tra le università del mondo – la Bologna Open Recognition Declaration. I badge sono utili agli employers sul mercato globale, perché in un curriculum vitae digitale sostituiscono le autodichiarazioni con certificazioni garantite dall’ente stesso che le eroga. E servono al laureato, non solo per aumentare la sua web reputation, ma soprattutto per comunicare rapidamente e credibilmente cosa ha fatto, cosa ha appreso, e con quali risultati, ai datori di lavoro di tutto il mondo».
«Il riconoscimento internazionale delle certificazioni di conoscenze e competenze, è uno dei temi principali del ‘Manifesto del G7 delle Università, recentemente approvato e condiviso tra i principali attori del mondo universitario internazionale – ha dichiarato il dottor David Vannozzi, direttore generale del Cineca. –  Con lo sviluppo di Bestr il Cineca sostiene questo processo, e la scelta dell’Ateneo Bicocca di essere protagonista in questo percorso è una conferma e che ci stimola a proseguire in questa direzione».

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Accordo Salesiani Sesto-Haier Europe: presentato il laboratorio Greenhouse

Haier Europe e le Opere Sociali Don Bosco inaugurano il laboratorio “Greenhouse” presso l’Istituto di …

Lascia un commento