Lettera anonima al sindaco uscente Monica Chittò, la solidarietà della politica sestese

“Venerdì scorso è stata recapitata una lettera anonima alla Sindaco Monica Chittò, contenente pesanti insulti e una chiara minaccia di morte. Da tempo nel nostro Paese  si respira un clima pesante astio, rabbia ed intolleranza che genera atti come questo. Sempre lo scorso venerdì, anche Siria Trezzi, la sindaco di Cinisello, è stata oggetto di pesanti insulti sessisti e xenofobi, in una prassi intimidatoria che lede, come nel caso della Sindaco Monica Chittò, prima di tutto il loro essere donne, e poi il ruolo istituzionale ricoperto”. Lo spiega una nota congiunta del PD Sesto e delle liste che appoggiano la candidatura a sindaco del primo cittadino uscente Monica Chittò, Insieme con Monica Chittò sindaco, La fabbrica della città e Sinistra in movimento. “Non pensiamo sia un caso, infatti, che un gesto vile come un post su facebook o una lettera minatoria anonima, abbiano come bersaglio due donne Sindaco, alle quali va tutto il nostro affetto e la nostra solidarietà umana e politica. Per dire basta a questo clima pesante di rabbia, violenza ed esasperazione, noi partiti e liste civiche della coalizione di Centrosinistra abbiamo abbiamo deciso di promuovere un presidio per sabato 27 maggio, dalle ore 15 in piazza della Resistenza, aperto a tutte le forze politiche e a tutte le cittadine e i cittadini, per difendere la nostra democrazia da questi atti intimidatori che non ci fermeranno”.
Hanno espresso immediata solidarietà e vicinanza al sindaco Chittò “Articolo UNO – Movimento Democratico e Progressista di Sesto San Giovanni” (“Le minacce e i continui insulti che le sono rivolti sono il risultato di reiterate campagne di odio che partono dalla voluta disinformazione e dalla assoluta mancanza di idee e proposte che caratterizza alcune forze impegnate nella campagna elettorale”), e dal Movimento 5 Stelle che con il candidato sindaco Foderaro esprime “piena solidarietà e  condanna fermamente simili vili atteggiamenti. La competizione elettorale, per quanto aspra ed accesa, non deve essere motivo per turbare la vita politica e privata di nessuno. Tornare a confrontarci democraticamente sui temi che toccano il quotidiano dei nostri concittadini e ristabilire un sano clima di competizione elettorale servirà a riavvicinare quante più persone al voto e a dare grande forza al prossimo sindaco, chiunque egli sia”.
Dalla redazione dello Specchio piena solidarietà a Monica Chittò e Siria Trezzi. 

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Consiglio metropolitano, confronto su Area B

Mercoledì 2 novembre, alle 16.30, in videoconferenza, si riunisce il Consiglio della Città metropolitana di …

Lascia un commento