Chittò invita al confronto diretto Di Stefano e “dimentica” le liste civiche

Mossa inattesa da parte del sindaco uscente Monica Chittò, candidato del centrosinistra alle amministrative dell’11 giugno. Il primo cittadino ha infatti richiesto attraverso il suo comitato elettorale un confronto diretto con il candidato del centrodestra Roberto Di Stefano per discutere le due “visioni opposte di soluzioni per il futuro di Sesto San Giovanni”. In sostanza, tagliando fuori i candidati sindaco delle liste civiche e dei movimenti: il polo civico di Caponi, la lista popolare x Sesto di Piano, Giovanni Urro per Sinistra anticapitalista e Antonio Foderaro dei Cinque Stelle.
Una mossa che i più accorti potrebbero interpretare come un modo del sindaco uscente per sviare l’attenzione dal civismo vero, che seriamente potrebbe impensierire il PD in un eventuale ballottaggio.
Parla di mossa antidemocratica Gianpaolo Caponi, candidato sindaco della coalizione civica Sesto nel Cuore, Cittadini di Sesto e #Sestoqua: «Ci chiediamo se sia una distrazione quella di non aver aperto questo confronto a tutte le forze della città, forze che come la nostra rappresentano migliaia di cittadini. Ricordiamo al sindaco uscente che la sola lista civica Sesto nel Cuore rappresenta ad oggi la seconda forza politica della città e con tutte le altre realtà in corsa alle elezioni, ha l’ambizione di amministrare Sesto San Giovanni. Questa richiesta di confronto tra destra e sinistra che esclude in maniera del tutto antidemocratica gli altri candidati sindaci – aggiunge Caponi – è chiaramente un modo per cercare di polarizzare il voto in una città che necessiterebbe di una vera competizione elettorale ed il coraggio di un vero confronto con tutte le altre nuove forze politiche. A Sesto San Giovanni da 70 anni governa la sinistra e alle elezioni la destra è sempre stata in minoranza, sarà un caso? Forse hanno paura del contraddittorio; se così fosse confrontatevi pure da soli tra di voi certi che i cittadini sapranno fare la scelta migliore per la città. Ad oggi i sondaggi vedono il sindaco uscente leggermente in vantaggio e la nostra Coalizione Civica e la Destra in un testa a testa per il ballottaggio. Qualcuno sta pensando di scegliersi l’avversario per il round finale?».
Interviene anche il candidato dei Grillini Antonio Foderaro: «Questa ci sembra la dimostrazione che si preferisce un confronto tra vassalli e non con chi effettivamente in questi anni e per il futuro ha idee sicuramente diverse ed alternative all’ attuale gestione dell’amministrazione. E’ forse la paura di un vero confronto con la prima forza politica nazionale, il Movimento 5 Stelle? “Cara” sindaca, siamo noi a chiedere un faccia a faccia con lei. Si porti tutti i vassalli che vuole!».

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Consiglio metropolitano, confronto su Area B

Mercoledì 2 novembre, alle 16.30, in videoconferenza, si riunisce il Consiglio della Città metropolitana di …

Lascia un commento