Disprassia infantile, un supporto alle famiglie con l’associazione AD&F

La disprassia (dal greco praxía = fare, quindi dis-prassia = incapacità di fare) è un disturbo di cui spesso si sente parlare ma oggi è ancora poco conosciuto. Si parla di disprassia per indicare un disturbo della coordinazione motoria generale e fine, che nell’infanzia, si manifesta con difficoltà nelle autonomie della vita quotidiana e nell’apprendimento (allacciare le scarpe, abbottonarsi, scrivere, disegnare, andare in bicicletta), in quelle azioni che implicano, in sostanza, lo svolgimento di movimenti volontari, coordinati sequenzialmente tra loro in funzione di uno scopo.
La disprassia colpisce all’incirca il 6 per cento della popolazione del nostro paese compresa tra i 6 e gli 11 anni, ma è ancora poco conosciuta e questo comporta approcci riabilitativi poco mirati.
Proprio per fornire un supporto alle famiglie con bambini disprassici è nata l’associazione AD&F (associazione disprassia & famiglie) il cui scopo è quello di operare a favore dei bambini e ragazzi disprassici e delle loro famiglie, affrontando le peculiarità della disprassia a livello familiare, medico-diagnostico, riabilitativo, scolastico e sociale.
Come si legge nel sito ufficiale l’associazione “si propone di promuovere, coordinare ed indirizzare iniziative socio-educative e culturali, dirette alla diffusione delle conoscenze ed informazioni riguardo la disprassia evolutiva e gli approcci riabilitativi. Obiettivo ultimo è favorire l’assistenza, la cura, la riabilitazione, l’inserimento scolastico, lavorativo, sociale e la tutela giuridica dei soggetti disprassici.”
Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulle iniziative e gli incontri divulgativi dell’associazione sono disponibili sul sito www.ade-f.org

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Ospedale di Sesto, via al corso triennale per aspiranti medici di medicina generale

Ha preso il via lunedì mattina il corso triennale di formazione per Medici di Medicina …

Lascia un commento