Città salute, Di Stefano (FI): a Maroni due proposte di ampliamento

Dalla Città della Salute al futuro di Sesto. Questo il titolo del recente incontro alla Casa delle Associazioni, organizzato da FI, FdI e Lega. Al convegno sono intervenuti il Dott. Lucchini (presidente dell’Istituto dei Tumori), il Dott. Alberto Guglielmo (presidente dell’Istituto Neurologico Besta), l’Ing. Carlo Masseroli (Direttore Generale di Milanosesto Spa), per Regione Lombardia gli assessori Giulio Gallera e Beccalossi e il consigliere Jari Colla.
Un polo di cura e studio nel campo dell’oncologia e della neurologia, quello che sorgerà sulle aree ex Falck, ha dichiarato l’assessore al Welfare Giulio Gallera, che vedrà i due massimi Irccs italiani lavorare in sinergia.
“Ai soggetti interessati ho già presentato tre proposte di ampliamento del progetto – dichiara Di Stefano – che sono state concordate con il Governatore Maroni e che sono ora in fase di valutazione: la città dell’accoglienza della famiglia del malato, l’area delle startup in campo di ricerca sanitaria e l’arrivo della facoltà di Medicina dell’Università.”
Quindi l’affondo politico: “Affinché questo progetto di Regione Lombardia possa realizzarsi al meglio – prosegue Di Stefano – occorre però una discontinuità politica a Sesto. È sotto gli occhi di tutti come il PD, che amministra la nostra Città, si sia messo letteralmente di traverso per ostacolarne l’arrivo a Sesto San Giovanni solo per una visione milanocentrica. È stato solo per la visione più ampia di area Metropolitana e di servizio al Cittadino della Giunta Lombarda se Sesto si è aggiudicata il progetto. Un progetto che Città Metropolitana continua a ignorare e persino boicottare tentando di trasferire parte della ricerca all’human technopole. A Sesto serve un cambiamento deciso e il centrodestra sta dimostrando di essere presente e coeso”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Osservatorio. Le opposizioni si diano una regolata

Se davvero quello della leader di Fratelli d’Italia è il governo più a destra della …

Lascia un commento