Monito dell’Aned: fate campagna elettorale ma senza usare argomenti volti a dividere la città

Dall’Aned di Sesto San Giovanni riceviamo e pubblichiamo
In questi giorni la campagna elettorale ha preso avvio e molte sono le cose che si leggono sui giornali e nei social. Rimaniamo stupiti dal fatto che alcuni movimenti politici si intestino la Resistenza come valore fondante a discapito di altri che evidentemente non la rappresenterebbero.
A tutti chiediamo: fate la vostra campagna elettorale, anche accesa nei contenuti, ma non usiamo argomenti volti a dividere la città. La Resistenza è patrimonio di tutto il nostro paese e di Sesto San Giovanni, città Medaglia d’Oro, che oggi come allora vive la sua identità nei valori di solidarietà e accoglienza. Noi crediamo che non sia il caso di coinvolgere la gloriosa storia della nostra città con i suoi 340 martiri che hanno pagato molto duramente la loro scelta di libertà, e immiserirla con qualche battuta elettorale.
Abbiamo avuto come sindaci ex deportati (Abramo Oldrini) e ex partigiani (Giuseppe Carrà e Libero Biagi), figli e nipoti di deportati come Giorgio Oldrini e Filippo Penati. Tutti gli anni a maggio l’Aned organizza dal 1954 un pellegrinaggio a Mauthausen, e ogni anno, nonostante il tempo passi, aumenta sempre di più la partecipazione degli studenti. I nostri sindaci e rappresentanti comunali sono sempre presenti. E’ un grande avvenimento storico-culturale e di memoria della nostra città e noi ne andiamo fieri e orgogliosi. Rivolgiamo dunque a tutte le forze politiche presenti nel nostro territorio un invito sincero e appassionato a partecipare al nostro viaggio Per quanto ci riguarda, noi siamo l’associazione nazione ex deportati e 233 sono gli uomini sestesi uccisi nei campi di sterminio nazisti a fronte di 562 deportati e deportate: è la più alta densità di morti in Italia rispetto al numero della popolazione. Sono esempi ammirevoli e forse per questo irraggiungibili, di che cosa voglia dire essere dalla parte di un paese intero. Non dimentichiamo il loro esempio e andiamo avanti. Se proprio non riusciamo ad eguagliarli, almeno non umiliamoli.

Giuseppe Valota
presidente Aned Sesto San Giovanni-Monza

Circa specchiosesto

Controlla Anche

2 giugno e medici di famiglia, ci scrive un lettore: la salute non conosce ponti

Gentile redazione, leggevo giorni fa di un corso in programma al nostro ospedale di Sesto …

Lascia un commento