Il taglio del nastro

L’assessore Gallera inaugura la nuova area parto dell’ospedale di Sesto

sala-parto-taglio-nastroUn lavoro unico in tutta la Lombardia, che può diventare un modello da emulare. Così ha definito il lavoro dell’Asst Nord Milano l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera intervenuto ieri pomeriggio all’inaugurazione della nuova area parto dell’ospedale di Sesto San Giovanni. «Si tratta – ha sottolineato Gallera – dell’unica Azienda, in tutta la Lombardia, ad avere un bacino di utenza, quello della prima cintura dei Comuni di Milano, caratterizzato da un’altissima densità di popolazione che presenta fragilità particolari, come ad esempio il disagio giovanile o le dipendenze, che necessitano di risposte specifiche».
Il nuovo reparto occupa una superficie di 750 mq al quinto piano del Padiglione 2 ed è stato oggetto di una radicale ristrutturazione in sintonia con le concezioni più attuali che non separano gli ambienti per il travaglio e il parto, come già in altri punti nascita di riferimento, la Clinica Mangiagalli o l’Ospedale dei Bambini Buzzi.
I lavori, durati otto mesi, sono stati finanziati da Regione Lombardia con la DGR n. 3683/2012 per un costo complessivo di circa 930.000 euro.
Nella nuova area sono state realizzate tre sale parto-travaglio con l’area per le prime cure del neonato, l’isola neonatale e tutti i locali di supporto (per caposala, ostetriche, medico di guardia, tisaneria, ecc), la nuova accettazione ostetrico-ginecologica, con sala d’attesa, locale triage/visita, locale monitoraggio con 3/4 postazioni e un locale osservazione.
«L’intenzione è quella di connotare l’ospedale di Sesto San Giovanni come polo infantile del Nord Milano – ha spiegato il direttore generale dell’Asst Nord Milano Fulvio Odinolfi -. Insieme all’ospedale Bassini di Cinisello saremo in grado di rispondere appieno alle sfide della legge regionale 23, anche perché dal primo gennaio 2017 prenderemo in carico anche i distretti ex ASL 6 e 7».
Al taglio del nastro hanno partecipato oltre allo staff del reparto, il direttore del presidio ospedaliero Valentino Lembo, le autorità cittadine («Credo si possa affermare che oggi – ha commentato il sindaco Monica Chittò – si sia imboccata la strada giusta per offrire ai sestesi e non solo un servizio pubblico di qualità che metta ancor più al primo posto il benessere delle mamme e dei bambini»), regionali e le associazioni del territorio.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Elogio al cestino …

Elogio al cestino. Caro cestino devo proprio farti i miei complimenti: non so come tu …

Lascia un commento