Lo staff di Aladino

Aladino Illuminazione ammesso al prestigioso concorso “Negozi di valore”

E’ risultato ammesso al bando e solo per una manciata di punti, Aladino Illuminazione non ha ottenuto il contributo economico nell’ambito del concorso “Negozi di valore”, attraverso il quale Regione Lombardia, in collaborazione con Unioncamere Lombardia, intende valorizzare e premiare i negozi lombardi distintisi per la capacità di generare attrattività con l’innovazione, la storicità e tipicità dell’attività.
«Per noi è già una soddisfazione essere stati ammessi – commenta la titolare Vittoria Mineo – abbiamo totalizzato 71 punti (la Regione ha premiato con un contributo economico le aziende fino al punteggio 78, ndr). Siamo orgogliosi di aver partecipato e di risultare tra i migliori».
L’azienda Aladino ha partecipato nella categoria “Legacy di valore”, vale a dire la capacità di operare con successo nella trasmissione d’impresa, garantendo la continuità, il passaggio generazionale, ma anche l’innovazione dell’attività commerciale.
Ed è proprio quello del passaggio generazionale uno dei punti forti dell’azienda sestese specializzata nella vendita – nello showroom di via Saint Denis 191 – e nella produzione di lampadari e articoli per l’illuminazione, nella fabbrica di viale Rimembranze 93.
La storia di Aladino parte dalla Sicilia e arriva ai giorni nostri, attraverso cinque generazioni, portando avanti le caratteristiche che ne hanno fatto un punto di riferimento per privati, piccole e medie imprese, attività del terziario.
Tutto inizia sotto il sole di Palermo con Giovanni Mineo (classe 1898, insignito della prestigiosa onorificenza di Cavaliere di Vittorio Veneto) che a sua volta eredita in giovane età l’attività dal padre, scomparso prematuramente.
Giovanni porta nuova linfa all’attività nata nella seconda metà dell’Ottocento a Palermo e da lui trasferita pochi anni dopo a Magenta, per poi passare le consegne al figlio Vincenzo che, insieme alla moglie Vittoria, trasferisce nei primi anni Sessanta, l’attività in Lombardia a Sesto San Giovanni. E’ qui, al 191 di via Saint Denis, che apre il punto vendita che i sestesi, e non solo, conoscono così bene.
Nel 1997 le redini passano al figlio Mauro che sviluppa l’attività in tutto il nordmilano, realizzando impianti di illuminazione per interni ed esterni in imprese, negozi, locali, ma anche per gli uffici milanesi dell’aeroporto finlandese in Italia.
Oggi l’attività è arrivata alla quinta generazione e comprende anche i figli di Mauro, Federico, di 19 anni e Marco, di 17 anni, che sta ultimando gli studi per poi entrare in azienda e continuare la tradizione di famiglia con il supporto del nipote Alessandro, di 23 anni.
Tradizione ma anche innovazione perché Aladino, accanto alla fornitura e sostituzione di lampadine e apparecchi di illuminazione per interni ed esterni, nell’ottica di rispondere alle esigenze di risparmio energetico e rispetto dell’ambiente, negli ultimi anni si è anche orientato nella fornitura di innovativi sistemi di illuminazione a LED.
E poi ci sono i clienti che per Aladino sono la risorsa più preziosa: «La piena soddisfazione del cliente – confida Vittoria – è alla base della nostra filosofia aziendale».
Ma ora si riparte dal presente, forti di un passato che racconta l’identità e un modo di fare attività in grado di durare nel tempo, nonostante i morsi delle crisi e i veloci cambiamenti del mercato.

Non è la prima volta che Aladino partecipa ad un concorso. Nel 2011 grazie alla suggestiva vetrina dedicata al 150° anniversario dell’Unità di Italia, vinse il concorso “Buon compleanno Italia!” promosso dal Comune di Sesto San Giovanni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Osservatorio. Plusvalenze: vere o fittizie?

Ha fatto molto scalpore la condanna inflitta ai dirigenti della Juventus e la conseguente penalizzazione di …

Lascia un commento