Appalto mense, FI e FdI: la sinistra pasticciona continua a fare gaffe!

mensa-scolastica-bando-ricorso-accoltoContinua a far discutere la bocciatura del Tar del bando per la ristorazione scolastica a Sesto San Giovanni. Accogliendo il ricorso di Sodexo (che gestisce da anni il servizio) il Tar ha di fatto bocciato il bando di gara dell’amministrazione comunale. E non si fanno attendere i commenti dell’opposizione a cominciare da Roberto Di Stefano, consigliere comunale di Forza Italia: «Il motivo del ricorso è un clamoroso, quanto ingiustificabile, errore dell’Amministrazione Comunale, consistente nell’aver nominato nella commissione giudicatrice un membro che era stato addetto al controllo qualità proprio sui servizi offerti precedentemente dalla Sodexo. Un chiaro e pacifico caso di incompatibilità che una Pubblica Amministrazione non può commettere nella predisposizione di un bando di gara pubblico. Un errore incredibile dell’Amministrazione: impossibile credere sia stata una svista. A Sesto sembrerebbe che chi vince una gara d’appalto se non va bene alla maggioranza non può lavorare. In questo modo si è fornito ad uno dei partecipanti lo strumento per ricorrere al Tar, che ha dovuto ovviamente accogliere il ricorso.».
Rincara la dose il consigliere comunale FDI-AN Antonio Lamiranda: «L’Amministrazione non ne azzecca una. Dopo il bando deserto sull’esternalizzazione del servizio disabili oggi il Tar ha annullato la gara di aggiudicazione del servizio mensa/refezione perchè l’Amministrazione (e nessun altro se non i vertici preposti ai bandi ed al controllo della procedura interna amministrativa) hanno letteralmente sbagliato la procedura di composizione della commissione aggiudicatrice. Voglio pensare che ciò sia accaduto in buona fede. Sarà la Corte dei Conti e la Procura della Repubblica cui presenterò un esposto a valutare ciò. Per quanto di mia competenza una sola affermazione: Andatevene a casa!».

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Osservatorio/ Dehors, i residenti ‘ringraziano’

Si diceva una volta che in Italia niente è più provvisorio del definitivo e più …

Lascia un commento