Home » Tempo libero » Sport » Pro Sesto, vittoria sofferta contro il Sondrio

Pro Sesto, vittoria sofferta contro il Sondrio

prosesto-logo-nuovoLa Pro Sesto batte 2-1 il Sondrio al Breda, ma la vittoria utile ad aumentare il morale evidenzia comunque diversi problemi per la squadra di Magoni.
La squadra ha giocato bene i primi venti minuti, andando in vantaggio e imponendo un ritmo alto alla manovra, ma per il resto della gara ha faticato e subito le iniziative dei valtellinesi.
Il mister sestese ha schierato dal primo minuto una formazione notevolmente offensiva, con Martino e Corti in mediana a supporto delle tre mezz’ali Battaglino,Comi e Fall e del giovane centravanti Gobbi.
Come già scritto, i primi minuti vedono un netto predominio territoriale e di gestione del gioco dei sestesi, abili a creare geometrie e a sfruttare i duelli sulle fasce, in particolare sul fronte destro dove Fall ha sfoderato una prestazione convincente rivelandosi il migliore in campo.
Proprio grazie al prodotto del settore giovanile sestese arriva il vantaggio biancoceleste al 12°: Battaglino batte un angolo con il suo sinistro insidioso e Fall con un grande colpo di testa costringe De Tommaso ad una gran parata, ma quest’ultimo non può nulla sul tap-in ravvicinato di Cortinovis.
Passati pochi minuti dopo il vantaggio la Pro sparisce dal campo e lascia il pallino del gioco al fanalino di coda Sondrio, squadra priva di elementi di qualità e alto tasso tecnico, ma comunque tenace e forte fisicamente.
Difficile da comprendere un calo del genere da parte dei sestesi, dato che il Sondrio è apparsa una squadra in evidente crisi quando i ritmi sono stati alti.
Al 37° una mischia furibonda in area della Pro terminata in angolo è il presagio del pareggio ospite, maturato al 41° grazie ad un colpo di testa di Della Cristina, bravo a sfruttare un suggerimento dalla sinistra di Ronzoni.
L’inizio di secondo tempo sembra presagire un ritorno dei biancocelesti, dato che vengono create due grandi occasioni, prima con un tiro cross di Ferri terminato sul palo e poco dopo con Fall che, da solo in area piccola, conclude alto sopra la traversa.
Successivamente la Pro inizia a faticare e a commettere diversi errori in fase di impostazione, con diversi tocchi imprecisi ed orizzontali in mediana che consegnano agli ospiti delle buone possibilità per rendersi pericolosi, ma i valtellinesi non sono bravi a concretizzare.
Per portare a casa i tre punti serve uno spunto o una giocata individuali dato che la manovra è imprecisa e proprio così accade: al 23° Lazzaro, nuovo acquisto appena entrato al posto di Comi, taglia benissimo sul primo palo ed insacca di testa un preciso pallone dalla sinistra di Battaglino.
Dopo il gol i sestesi non gestiscono assolutamente bene il vantaggio, dato che nel finale Locatelli colpisce un clamoroso palo da fuori e nel recupero Fascendini fa tremare il Breda con un sinistro ad incrociare terminato di poco a lato, ma nonostante ciò i tre fischi finali dell’arbitro regalano una vittoria immeritata e non convincente, ma che serve in ogni caso ad abbandonare la parte destra della classifica e a prepararsi al meglio all’ultima gara del 2015 sul campo dell’Olginatese.

Alessio Berta

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Allianz Geas, torna alla presidenza Carletto Vignati

“Sono onorato di ricoprire per la quarta volta questo ruolo: come nelle occasioni precedenti, i …

Lascia un commento