Le forze di maggioranza fanno il punto sugli obiettivi

maggioranzaPartecipazione attiva dei cittadini, parità di genere, cultura, giovani, inclusione sociale e laicità delle istituzioni. Questi i temi al centro del confronto tra le forze di maggioranza andato in scena sabato 28 novembre. “Molte sono le cose fatte in questi anni e altre sono ancora da fare – commentano, attraverso un comunicato congiunto, Federazione della Sinistra, Sinistra Ecologia Libertà e Partito Socialista Italiano -. Siamo convinti che la città debba essere un luogo dove si promuovono opportunità e si combattono le disuguaglianze, sia in termini di diritti sociali che di diritti al lavoro: per questo abbiamo insistito per rilanciare le azioni sui diritti civili e l’uguaglianza di genere e promuovere azioni di salvaguarda del diritto al lavoro e di sostegno al reddito. Siamo inoltre convinti che essere una città inclusiva significhi anche accogliere e rispondere alle richieste delle cittadine e dei cittadini migranti che qui abitano, lavorano e pagano le tasse e per questo la loro partecipazione e il loro coinvolgimento risulta necessario.
Sesto San Giovanni dev’essere sempre di più una città del lavoro e inclusiva, come lo è stata nel corso degli anni e per la storia che essa rappresenta. Attraverso un confronto franco e serrato con le altre forze politiche della maggioranza (PD, Verso Sesto-Democratici per il cambiamento), siamo arrivati alla stesura di un documento di impegni per gli ultimi 16 mesi di questo primo mandato della sindaco Monica Chittò”.
Anche i Democratici per il Cambiamento, per voce del presidente Alessandro Piano, commentano l’accordo di maggioranza siglato sabato. “E’ stata accolta la nostra proposta di stabilire una relazione tra la Città della Salute e il progetto del Governo sulle aree Expo Human Technopole Italy 2040. Si alla città per tutti con un piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche già presentato alla città e condiviso con l’Associazione Luca Coscioni. Ai nastri di partenza lo studio per la pedonalizzazione del centro (Isola 2.0). Sulle società partecipate passa invece il principio di una  loro progressiva razionalizzazione. Apprezziamo l’apertura di prospettiva della coalizione  alle migliori esperienze civiche cittadine da noi richiesta  per rinnovare il centro sinistra. Crediamo, con la costituzione del nostro gruppo, di aver dato un senso alla nostra iniziativa politica e ringraziamo il Sindaco e la maggioranza per aver condiviso con noi  questo nuovo percorso”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Osservatorio/ Commemorazioni e strane amnesie 

Abbiamo notato che durante la giornata di commemorazione di Giacomo Matteotti (1885-1924) a Montecitorio nessuno …

Lascia un commento