Grande partecipazione alla raccolta firme contro il degrado e per la sicurezza

angela-tittaferrante-petizione
Angela Tittaferrante
petizione-sesto-nel-cuore-degrado
I gazebo in via XX Settembre

Grande partecipazione tra sabato e domenica scorsa, sul piazzale di via XX Settembre a Sesto San Giovanni, per firmare la petizione lanciata dalla lista civica Sesto nel Cuore e dal gruppo Angeli nel Cuore di Sesto.
La lotta al degrado urbano e la sicurezza sono temi che destano sempre maggior interesse tra i cittadini. Lo si è visto dal modo in cui hanno risposto i sestesi all’appello lanciato nei giorni scorsi dal capogruppo Gianpaolo Caponi e dai colleghi di lista Angela Tittaferrante e Marco Lanzoni (ad un certo punto, non bastando più i quattro tavoli allestiti per la raccolta firme, ne sono stati aggiunti alcuni “volanti”): oltre 500 i firmatari della petizione.

Al centro Gianpaolo Caponi
Al centro Gianpaolo Caponi

Domenica è stata anche presentata l’iniziativa “Rete Amica” sulla sorveglianza di quartiere contro il degrado urbano attraverso la creazione di gruppi whatsapp volti a segnalare situazioni di degrado e presenze sospette nei quartieri della città.
E proprio durante la raccolta firme, il fondatore degli Angeli nel Cuore di Sesto Paolo Rosellini ha iniziato a raccogliere i primi segnali di attenzione da parte dei sestesi. Ad esempio da parte di alcuni residenti di via Carlo Cattaneo, un gruppo di dinamici pensionati pronti a partire con un primo gruppo whatsapp.

Al centro Paolo Rosellini
Al centro Paolo Rosellini

“L’enorme sostegno dei sestesi – commenta a fine serata il capogruppo Caponi – testimonia solo che siamo sulla strada giusta e che il nostro impegno viene apprezzato. Noi andiamo avanti, voi continuate a sostenerci. E chi non è potuto venire fisicamente, può firmare la nostra petizione sul web sulla piattaforma change.org”.
Una volta chiusa la raccolta firme verrà protocollata e portata all’attenzione della Giunta. 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Osservatorio/ Dehors, i residenti ‘ringraziano’

Si diceva una volta che in Italia niente è più provvisorio del definitivo e più …

Lascia un commento