Immobiliare, Colombo Clerici (Assoedilizia): prende piede la sindrome da shopping

colombo-clericiAlcune stime prevedono che entro il 2015 gli investimenti esteri (IDE) nell’immobile italiano più pregiato di Milano (55%), di Roma (15%) e di altre città arrivino a 6 miliardi di euro, più 20% rispetto all’anno precedente: obiettivi, palazzi per uffici –  centri commerciali, alberghi.  “I motivi di questo interesse degli acquirenti stranieri – spiega Achille Colombo Clerici, presidente di Assoedilizia –  sono diversi. Innanzitutto l’enorme liquidità; le piazze principali, Londra, Parigi, Berlino sono già state sfruttate; i prezzi in Italia sono ancora bassi”.
La sindrome da shopping  in Italia dall’immobiliare si estende ai settori più appetibili del made in Italy (trasporti, moda, alimentari, servizi, trasporti e telecomunicazioni, commercio) con investimenti nel 2014 di oltre 281 mld. “Ma il rapporto tra lo stock dell’IDE in entrata e il PIL (19,5% nel 2013) – aggiunge Colombo Clerici – rimane significativamente inferiore  alla media mondiale, europea  e UE-27 Stati, nonchè a quello dei principali competitors europei (Regno Unito, 63,3%); Spagna, 52,7%; Francia, 39,5%; Germania 23,4%). La questione è che gli investimenti esteri in Italia consistono non nel creare nuove attività localizzate nel nostro paese, ma prevalentemente nel rilevare attività tra le migliori fra quelle create dai nostri connazionali, e che questi non sono più in grado o non ritengono di continuare.  Aziende italiane in mano agli stranieri vuol dire esposizione in prima linea se le cose cambiano all’estero. Le cronache sindacali – conclude Colombo Clerici – sono piene di casi di tagli di occupazione, o di chiusura di fabbriche di origine italiana, perché la “casa madre” straniera cambia ‘politica’ o si trova in difficoltà e sceglie quindi di tagliare oltre frontiera”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Famiglia con bimbo sotto sfratto, in via Bellini presidio dell’Unione Inquilini

Si terrà venerdì 22 luglio a partire dalle ore 9 in via Bellini 187 un …

Lascia un commento