Il Comune lo sfratta, il Città di Sesto alza la voce

asd citta di sesto calcioPiù di 30 anni di storia che rischiano di essere buttati via. Il Città di Sesto è stato sfrattato dalla sede di Via General Cantore perché il 31 agosto è scaduta la convenzione per gestire i campi da calcio del centro Falck e non sarà rinnovata.
A nulla è servito l’incontro dello scorso 18 agosto con l’assessore allo sport Andrea Rivolta, che ha ribadito la volontà dell’Amministrazione Comunale di concedere quella stessa sede alla Pro Sesto e di lasciare al Città di Sesto il Centro Manin per la disputa dei campionati e i locali del centro sportivo Dominante, peraltro non a norma, per gli allenamenti settimanali. Soluzione che non sta per niente bene alla società presieduta da Umberto Bianchi che ha diramato anche un duro comunicato, per esternare la volontà di non piegarsi al diktat dell’Amministrazione, ritenuto “ingiusto, immotivato e generoso”, in cui viene anche menzionato il project financing da 800 mila euro (previa richiesta di garanzia fidejussoria al Comune) volto alla riqualificazione del ” Centro sportivo Falck calcio” e ” Centro Sportivo Falck tennis”, presentato lo scorso 5 agosto e rifiutato “con modalità sbrigativa e offensiva” come riportato nella nota, in cui si denuncia anche “la mancata risposta dell’Amministrazione Comunale alla richiesta della documentazione che attesti I’agibilità di quei locali – Manin e campo Dominante, ndr – ai sensi delle normative vigenti”. Una situazione delicata, che rischia di lasciare per strada non solo una gloriosa società ma anche diversi atleti e bambini che hanno il piacere di vivere lo sport come crescita ed amicizia, incarnando I’anima dello sport dilettantistico.

F.C. 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Paderno, torneo di Padel in occasione del Memorial Day della Polizia di Stato

Un coinvolgente torneo di Padel in occasione del Memorial Day della Polizia di Stato. Ad …

Lascia un commento