Piani di Zona socio-sanitari: firmato accordo tra sindaci del Nord Milano

Sottoscritto dai sei sindaci dei due ambiti e dal Direttore generale di Asl l’accordo di programma per l’attuazione del Piano di Zona per gli interventi sociali e sanitari per il triennio 2015-2017. I comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Cinisello Balsamo, Bresso, Cormano e Cusano Milanino hanno dunque deciso, pur nel rispetto delle specificità locali, di adottare uno strumento comune di programmazione in materia di politiche sociali e si impegnano a promuovere politiche unitarie in un’ottica metropolitana.
Il Piano di Zona, realizzato secondo i principi della Legge 328/2000 e della Legge Regionale 3/2008, è lo strumento condiviso e partecipato per la programmazione e il governo del sistema integrato territoriale dei servizi alla persona. Il Piano delinea i corretti rapporti tra la programmazione e la gestione dei servizi: i comuni, infatti, sono titolari delle funzioni programmatori sul territorio. In questa prospettiva gli enti locali assumono e rafforzano il loro ruolo nella definizione delle politiche sociali, ovviamente in forma associata e con la strumentazione definita nel Piano di Zona.
I Piani di Zona sono stati costruiti con la collaborazione, oltre che delle autorità sanitarie, degli operatori dei servizi pubblici e privati, delle cooperative sociali, associazioni, fondazioni, organizzazioni sindacali, enti ecclesiastici e di volontariato che operano sul territorio.
Agire, in un’ottica sovra-distrettuale, in maniera condivisa, per obiettivi e priorità, potrebbe anche essere un’occasione per intercettare risorse maggiori nell’ambito sociale e socio-sanitario.
Per la prima volta in 12 anni, dunque, gli ambiti Sesto-Cologno e Cinisello-Bresso-Cormano-Cusano hanno elaborato dei documenti di programmazione che guardano all’ottica metropolitana, così come auspicato da Regione Lombardia nella delibera “Un welfare che crea valore per le persone, le famiglie e le comunità – Linee di indirizzo per la programmazione sociale a livello locale”.
Tra i principali punti di forza del Piano l’integrazione socio-sanitaria; la creazione di un Tavolo psichiatria con la definizione di Linee guida rispetto al tema del disagio sociale; l’individuazione di percorsi sul tema della neuropsichiatria infantile; la creazione di un Tavolo anziani per l’offerta di servizi dedicati agli over 75 e la definizione di regolamenti comuni d’accesso ai servizi a domanda individuale.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Sesto, al via il corso di formazione per volontari AVO  

E’ partito martedì scorso il nuovo corso di formazione per volontari AVO (Associazione Volontari Ospedalieri). …

Lascia un commento