Domenica riapre il giardino storico di villa Zorn

giardino villa zornDomenica mattina riapre al pubblico il lotto di giardino di villa Zorn attualmente chiuso per i lavori nella zona attorno ai filtri dell’acqua CAP. Il progetto, approvato dalla Soprintendenza per i Beni architettonici e per il paesaggio di Milano, rappresenta il completamento delle opere già avviate durante i lavori di riqualificazione dei giardini storici Mylius e Zorn del 2012 e ne condivide pertanto le scelte progettuali.
Per restituire l’identità e il carattere storico originario del giardino, mantenendo le presenze arboree monumentali esistenti, sono stati così utilizzati (e reinterpretati) i materiali storici della tradizione lombarda: la graniglia calcarea (calcestre), il ghiaietto e la “rizzata” in ciottoli di fiume.
Anche gli alberi e gli arbusti messi a dimora ripropongono le specie utilizzate nei giardini storici: le rose antiche, le camelie, le azalee, i rododendri, le peonie, le clematis, la lippia citriodora (una delle piante più tipiche dei giardini antichi) ed il biricoccolo (frutto antico derivato dall’incrocio tra l’albicocco ed il susino).
Numerose le aree interessate dai lavori: dall’area filtri C.A.P. acqua potabile all’area giochi per gli adolescenti (quella esistente è stata ampliata e sono stati inseriti diversi elementi come una rete dei pompieri, una parete di arrampicata doppia, una capanna sull’albero); dal Belvedere della collinetta (tra le altre cose, le scarpate sono state piantumate da macchie arbustive e tappezzanti fiorite) al Pozzo in pietra, ripulito dalle scritte e protetto con prodotti appropriati. Infine, l’area intorno al platano monumentale è stata risistemata con una pavimentazione in ghiaietto e una corona di panchine e di macchie arbustive fiorite, rimarcando in questo modo il carattere di “piazzetta” e sottolineando l’importanza e la centralità dell’albero monumentale.
Sono stati integrati il filare esistente di ippocastani lungo il lato ovest del giardino e il filare di magnolia soulangeana lungo la via Cesare da Sesto.
E’ stata inoltre completata la sostituzione degli arredi esistenti del giardino, con panchine in legno con supporti e braccioli in ghisa, panchine in granito bianco e cestini portarifiuti verniciati in colore ferromicaceo.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

L’Università Milano-Bicocca dedica a Sofia Castelli una delle sue aule

A un anno dalla scomparsa, l’Università di Milano-Bicocca intitola una delle sue aule a Sofia …

Lascia un commento