Aler Milano, duecento alloggi a sfrattati, genitori separati e precari

casaDuecento alloggi di proprietà di Aler Milano, tutti situati nel Comune di Milano, saranno destinati a politiche di housing sociale e, in particolare, verranno assegnati prioritariamente a persone sfrattate per finita locazione, genitori separati, lavoratori precari e Onlus, che verranno individuati con un bando pubblico. E’ quanto ha deciso la Giunta regionale, approvando una delibera proposta dall’assessore alla Casa, Housing sociale, Expo 2015 e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala, con la quale viene autorizzata l’esclusione dal patrimonio di Edilizia residenziale pubblica (Erp) di questi alloggi.
“Con questo provvedimento – spiega Sala – prende il via il progetto speciale, predisposto da Aler Milano, nell’ambito del ‘Piano di risanamento’ approvato dalla Giunta regionale il 5 dicembre scorso, per rispondere in modo più efficace ai bisogni sociali che oggi faticano a trovare soluzioni concrete e che interesserà complessivamente circa 1.000 alloggi attualmente non assegnabili in quanto e di ridotte dimensioni”.
Gli alloggi da mettere a disposizione sono di dimensioni inferiori ai 40 metri quadro e verranno assegnati nello stato di fatto: i costi di sistemazione saranno a carico degli inquilini e verranno poi scomputati dai canoni di locazione.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Opportunità per la locazione di immobili, incontro pubblico al Tilane

Martedì 14 giugno, a partire dalle 20.30 presso l’Auditorium Tilane di Paderno Dugnano, si terrà …

Lascia un commento