Casa a Milano, ripartono le compravendite

casaSegnali contrastanti dal mercato milanese della casa nel secondo semestre del 2014. Se in città si registra, rispetto all’anno precedente, una flessione media dei prezzi del -1,9% per gli immobili residenziali nuovi, di classe energetica A-B (per un prezzo medio di 4.875 euro al metro quadro), del -2,5% per gli appartamenti recenti, ristrutturati, d’epoca e di pregio e del -2,7% per gli appartamenti vecchi o da ristrutturare, continua il trend positivo delle compravendite che  nei primi nove mesi del 2014 crescono del +5,7% su base annua, contro il +2,2% nazionale. Un andamento, quello delle compravendite, in crescita soprattutto nei mesi centrali dell’anno e che porta Milano a ribaltare il dato di inizio 2014 quando la città registrava un +3,4% rispetto al +4,1% italiano. Flessione ancora negativa ma in miglioramento in Provincia con le compravendite che crescono del +3,1%.
Negozi, box e uffici. Continuano a diminuire i prezzi su base annua in città per i negozi (-1,7%), i box (-2,1%) e gli uffici (-2%), compresi quelli direzionali (-2,7%) e continua la  flessione dei canoni degli affitti in città: -1,8% in sei mesi e  -3,1% in un anno, -20,2% rispetto a cinque anni fa.
Dove conviene acquistare oggi rispetto a cinque anni fa. Se in centro in media tengono i prezzi degli appartamenti di nuova costruzione (-0,2%) con le punte più alte in Vittorio Emanuele-San Babila e Diaz-Duomo-Scala (12.400), rallentano i prezzi rispetto a cinque anni fa a Missori-S. Sofia (-2,7%). Sempre rispetto a cinque anni fa, calano significativamente i prezzi del nuovo in Venezia-Monforte (-6,8%) e Tribunale-5 Giornate (-5,2%) per i Bastioni, in Carbonari-Maggiolina (-8,9%) e Navigli-Cassala (-7,8%) per la Circonvallazione e in Q.re Gallaratese-Trenno (-26,5%), Baggio-Quinto Romano (-18%) e Axum-Ospedale S.Carlo (16,8%) per il Decentramento.
In provincia. In un anno, le flessioni più significative dei prezzi degli appartamenti nuovi/classe energetica A-B si registrano nei comuni in zona Magentino (-5,1% le zone centrali e -4,1% quelle periferiche) e Abbiatense-Binaschino (-4,6% le zone centrali e -4,4% le zone periferiche).
Sono questi alcuni dei dati che emergono dalla 46° “Rilevazione dei prezzi degli Immobili sulla piazza di Milano e Provincia” sul secondo semestre 2014 realizzata dalla Camera di commercio di Milano attraverso la sua società partecipata TeMA, Territori, Mercati e Ambiente S.c.p.a., in collaborazione con gli agenti rilevatori FIMAA Milano Monza & Brianza.
“Finalmente il mercato è tornato a crescere – ha dichiarato Marco Dettori, Presidente di TeMA – Territori, Mercati e Ambiente, società partecipata dalla Camera di commercio di Milano –. Fine della crisi? Diciamo che contrazione dei prezzi e riapertura del rubinetto del credito sono condizioni fondamentali per la ripresa del mercato immobiliare, unitamente al diffondersi di un clima di fiducia sui fondamentali del sistema economico italiano.”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

La Casa è un diritto, la proprietà non sempre’, convegno dell’Unione Inquilini

La casa è un diritto, la proprietà non sempre’: questo il tema al centro del …

Lascia un commento