Saldo Tasi, M5S Sesto: grazie ai nostri consiglieri introdotta la detrazione per i disabili

movimento5stelleIl 16 dicembre scade il termine per pagare il saldo della Tasi. La TASI si calcola con l’aliquota del 3,3 per mille, decisa dal Consiglio Comunale il 22 maggio 2014 con delibera integrata in data 7 luglio 2014.
Il Movimento 5 Stelle é contrario alla tassa sulla prima casa ed ha quindi votato contro l’applicazione dell’aliquota più alta, osservando inoltre che il sistema delle detrazioni impostato non fosse equo e risultasse addirittura peggiorativo rispetto a quanto previsto dall’IMU.
Non siamo riusciti a evitare del tutto la tassa, ma grazie ai consiglieri del M5S é stata introdotta la detrazione per i disabili, originariamente non prevista.Il Comune ha previsto queste detrazioni:

 detrazione di 78,00 euro per fabbricati e relative pertinenze con rendita catastale complessiva fino a 800,00 euro.n.b.: si considera la rendita catastale dell’immobile e delle relative pertinenze così come indicate sulla visura catastale o sul rogito, cioè senza la rivalutazione del 5%; detrazione di 50,00 euro per ciascun figlio convivente fino al compimento dei 18 anni, indipendentemente dalla rendita catastale complessiva;

 detrazione di 50,00 euro per disabili in possesso di attestato di invalidità o persone non autosufficienti con certificazione medica o da contribuenti conviventi con persone aventi le caratteristiche sopra elencate.
Lo stato di convivenza deve risultare da certificazione anagrafica.
La detrazione spetta esclusivamente in presenza dei requisiti richiesti e a seguito di presentazione di apposita istanza, da presentarsi entro e non oltre il 16 dicembre 2014 (data del saldo) attraverso consegna all’ufficio Protocollo del Comune, inoltro con posta elettronica certificata o con raccomandata.
In caso di disabili intellettivi o mentali l’istanza è sostituita dalla presentazione della certificazione medica. Questa detrazione è stata introdotta dalla delibera n. 37 del 7 luglio 2014; riduzione del 70% del tributo dovuto da contribuenti che risultano disoccupati da almeno 6 mesi nel corso dell’anno. 
Per avere la riduzione, il contribuente disoccupato deve trasmettere (attraverso consegna all’ufficio Protocollo del Comune, inoltro con posta elettronica certificata o con raccomandata) all’ufficio TASI entro il 16 dicembre 2014 (data del saldo) la “dichiarazione di disponibilità al lavoro” rilasciata dal Centro per l’impiego con l’eventuale ulteriore documentazione attestante tale stato.
 N.B. in questo caso la TASI va pagata in un’unica rata entro il 16 dicembre (no acconto).

MoVimento 5 Stelle Sesto San GioVanni

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Emergenza casa, il ministro Salvini visita la sede di Uniabita

Atteso incontro questa mattina tra i vertici di Legacoop e Matteo Salvini nella sede di …

Lascia un commento