In vigore dal 3 novembre le nuove norme che regolano l’intestazione temporanea dei veicoli

libretto di circolaziomeSono entrate in vigore lunedì 3 novembre alcune norme che – in base alle disposizioni dell’ultima riforma del codice della strada – regoleranno l’intestazione temporanea dei veicoli.
In pratica, bisognerà riportare lo stesso nome della patente anche sul libretto di circolazione e per adempiere all’obbligo sarà necessario recarsi alla Motorizzazione e richiedere l’annotazione sul libretto del nome di chi utilizza effettivamente la vettura non propria (sono obbligati ad adempiere alla nuova misura le società di noleggio veicoli, di leasing e le flotte di auto aziendali).
E’ bene specificare che non è previsto nessun adempimento, per i famigliari conviventi, pertanto il figlio può continuare a guidare l’auto del padre purché vi sia una situazione di convivenza.
E se invece il figlio vive in un’altra città? Se ha effettuato un cambio di residenza potrà usare l’auto del genitore, a patto di richiedere agli uffici della motorizzazione civile l’aggiornamento della carta di circolazione: deve infatti segnalare che vi è una sorta di “comodato d’uso” (prestito), in questo caso del suo genitore a suo favore, e quindi lui potrà tranquillamente condurre l’auto.
Sia chiaro, però, l’aggiornamento è necessario solo se il prestito supera i 30 giorni. Pertanto se una persona guida occasionalmente l’auto di un amico non dovrà provvedere all’aggiornamento della carta di circolazione.
Quanto costa l’aggiornamento della carta di circolazione? In totale 25 euro, tra marca da bollo (16 euro) e tagliando di aggiornamento (9 euro).
La norma è valida anche per i motoveicoli 

e non solo per le nuove immatricolazioni. E chi non adempie? Chi non rispetta questo nuovo obbligo sarà soggetto a multe salate a partire da 700 euro.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Il Gigante festeggia 50 anni e cerca giovani da assumere

Il gruppo ‘Supermercati il Gigante’ festeggia i cinquant’anni. Il primo punto vendita fu aperto a …

Lascia un commento