Pedonalizzazione del centro storico di Sesto San Giovanni, lettera aperta di Roberto Di Stefano (FI): come distrarre la città dai problemi reali

“L’argomento dell’ultimo periodo riguarda quasi esclusivamente la pedonalizzazione del centro storico: il sindaco manda una lettera aperta ai commercianti e cittadini per raccogliere suggerimenti; Assocommercio, organizza un gruppo di saggi per discutere come realizzareil progetto; Confcommercio, propone la strada da seguire.
Tutti si agitano, quasi fossimo già in campagna elettorale. Se ci caliamo nella realtà, però,  vediamo che il commercio di vicinato è massacrato dai centri commerciali, dalla  burocrazia per l’apertura nuovi negozi, dalla mancanza di risorse, carenza cronica della nostra amministrazione.
L’idea in sé è valida e ricordiamo che Forza Italia la propose già nel 2010, con una mozione in consiglio comunale votata all’unanimità … ma c’è un “ma”, un grosso punto interrogativo contenuto nella lettera del Sindaco: “la condizione imprescindibile per un’eventuale pedonalizzazione … è quella della realizzazione di un numero adeguato di parcheggi”.  Eccola, l’incognita della proposta, nero su bianco. I parcheggi.
Per realizzare la zona pedonale, il Comune dovrebbe innanzitutto attuare il Piano dei parcheggi e della Sosta, approvato nel 2009 ma mai realizzato… l’unica cosa fatta di quel piano è stato l’aumento da 0.50 cent. a 1 euro per la sosta ad ore.
Dovrebbe realizzare dei silo, ma non ci sono mai stati i fondi necessari. Il Comune ha provato a coinvolgere i privati con un bando in project financing in pieno centro ma il bando è andato deserto. E’ stato costruito un parcheggio interrato sotto lo stabile del Comune …. ad un solo piano … con il criterio del meglio poco che niente, realizzando di fatto il niente a spese dei cittadini.
Di colpo, ci si sveglia dal coma più o meno vigile e viene proposto un progetto che scalda i cuori, come fossimo già alle elezioni, così la discussione si fa accesa e vivace.
Forza Italia si dice favorevole all’isola pedonale, come lo era nel 2010,  ma non perde di vista la realtà: oggi la priorità è l’abbattimento delle tasse. Il repentino cambio di argomento sembra strumentale all’arrivo dei bollettini di pagamento della TARI. Serviranno a pagare i posteggi? Restiamo in attesa, viviamo sperando, cautamente pessimisti”.

Roberto Di Stefano
Capogruppo consiliare Forza Italia Sesto San Giovanni

Circa specchiosesto

Controlla Anche

2 giugno e medici di famiglia, ci scrive un lettore: la salute non conosce ponti

Gentile redazione, leggevo giorni fa di un corso in programma al nostro ospedale di Sesto …

Lascia un commento