Chiusura SpazioA, la replica del Comune: la cooperativa Zhubian avrebbe potuto partecipare al nuovo bando, se non avesse accumulato quasi 200 mila euro di debito

Nei giorni scorsi, dopo il tam tam sui social, SpazioA ha celebrato il suo quinto e ultimo compleanno. “Non si tratta di una scelta, bensì di una strada obbligata: il Comune di Sesto San Giovanni ha rimesso a bando l’affitto dell’intera struttura di Spazio Arte (bar, salone, uffici e sale prove) e non è possibile per noi concorrere nuovamente per la gestione degli spazi.SpazioA chiude, ovviamente con nostro grande rammarico per la fine di tutto il lavoro fatto in questi cinque anni: un’attività che crediamo abbia ridato dignità a una zona della nostra città che, all’inizio di questo percorso era abbandonata a se stessa”. Con questo messaggio intitolato “5 compleanni e un funerale”, postato sulla pagina facebook di SpazioA, la cooperativa Zhubian annunciava l’addio a Sesto San Giovanni.
Non si fa attendere la voce del Comune di Sesto che, questa mattina, affida la sua replica ad un comunicato stampa.
“Stupisce leggere su manifesti e internet – si legge nel comunicato a firma dell’A.C. sestese – la posizione della cooperativa Zhubian, che gestisce SpazioA – il locale di SpazioArte – che lamenta la chiusura dell’esperienza dopo cinque anni a causa della decisione del Comune, che ha deciso di mettere a bando la gestione di tutta la struttura di via Maestri del Lavoro.
Nel luglio 2009 la cooperativa ha vinto il bando pubblico dell’Amministrazione comunale per la gestione del locale da adibire a somministrazione di cibi e bevande e a luogo di attività ricreativa e culturale.
La scadenza della concessione era fissata fin dall’inizio al mese di novembre 2014 e, in vista di quella scadenza, il Comune ha iniziato a ragionare sulla necessità di realizzare un progetto più generale su tutta la struttura di SpazioArte (e non solo sul bar) per la realizzazione di uno spazio polifunzionale, punto di riferimento per il territorio. Questa intenzione è stata comunicata alla cooperativa con un congruo anticipo.
Questo significa, alla scadenza dei contratti attuali, realizzare una gara pubblica per la gestione di SpazioArte alla quale la cooperativa Zhubian avrebbe potuto tranquillamente partecipare, se nel frattempo non avesse accumulato un debito nei confronti del Comune di 195.086 euro a causa del mancato pagamento dell’affitto della struttura (cifra sancita il 17 settembre 2014 dal Tribunale di Monza, al quale la cooperativa si era rivolta per opporsi al decreto ingiuntivo del Comune che chiedeva il pagamento dell’affitto, come specificato chiaramente nella gara d’appalto del 2009).
L’intenzione dell’Amministrazione comunale è dunque quella di valorizzare al meglio uno spazio nel cuore della città che ha grandi potenzialità per diventare un luogo di cultura, aggregazione e svago con particolare attenzione ai giovani di Sesto”.

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Comitato Cittadini Piazza Trento Trieste, presidio di protesta sotto il Municipio

Il comitato cittadini Piazza Trento e Trieste torna ad accendere i riflettori sul quartiere e …

Lascia un commento