Nuova convenzione per servizi funebri, Sesto nel Cuore: poca chiarezza e troppa discrezionalità lasciata in mano alle imprese del settore

caponitittapavan“Ieri sera in Consiglio Comunale si è discussa la delibera relativa alla convenzione per i servizi funebri.
La lista civica Sesto Nel Cuore, per rendere la convenzione meno discriminatoria, più equa e più trasparente, per le fasce meno agiate della società, ha presentato numerosi emendamenti e un ordine del giorno. Nulla da fare!La delibera, nel suo complesso, è stata approvata e votata favorevolmente dalla maggioranza e dai Giovani Sestesi con il voto di astensione delle minoranze.
Ancora una volta la maggioranza ha fatto orecchie da mercante e non ha voluto raccogliere suggerimenti e proposte che avrebbero potuto portare beneficio ai nostri concittadini soprattutto a quelle economicamente più deboli; la nuova convenzione per i servizi funebri, che tocca un tema così delicato come quello che vivono le famiglie nel doloroso momento del distacco dal proprio caro, presenta lacune e incertezze che lasciano i cittadini in balia delle imprese del settore in quel delicato momento; l’Amministrazione Comunale si dovrebbe far carico di tutelare le fasce più deboli della società, che già vivono un momento di crisi economica e lo avrebbe potuto fare predisponendo una convenzione senza ambiguità nei servizi offerti, chiara equa e trasparente.
Così non è stato in quanto la nuova convenzione, per riprendere le affermazioni di una consigliera della maggioranza, è stata solo “asciugata” per ridurre il prezzo totale; in buona sostanza dalla vecchia convenzione sono stati eliminati dei servizi che dovranno essere pagati a parte alle imprese funebri.
Noi della lista civica Sesto Nel Cuore abbiamo tentato con i nostri emendamenti di introdurre chiarezza cercando di predeterminare i servizi previsti ed esclusi dalla convenzione; siamo riusciti, tuttavia, a fare approvare un ordine del giorno che impegna la Giunta a diffondere tra i cittadini l’opportunità di avvalersi di un funerale convenzionato e di verificare, tra un anno, quante famiglie hanno utilizzato detta convenzione e quali onoranze funebri hanno svolto il servizio.
In ultimo non si capisce per quale motivo a Milano sia stata stipulata una convenzione inferire di quasi del 30% di quella offerta ai cittadini sestesi; misteri della politica!”

Gianpaolo Caponi  (capogruppo)
Angela Tittaferrante
Pierantonio Pavan
Lista Civica Sesto Nel Cuore

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

2 giugno e medici di famiglia, ci scrive un lettore: la salute non conosce ponti

Gentile redazione, leggevo giorni fa di un corso in programma al nostro ospedale di Sesto …

Lascia un commento