Tasi, confermata in Consiglio comunale applicazione aliquota massima. Di Stefano (FI): ceti medio-bassi pagheranno il malgoverno della sinistra. Caponi (Sesto nel Cuore): Sesto allo sfascio sociale!

OLYMPUS DIGITAL CAMERAI primi commenti alla seduta fiume del consiglio comunale di Sesto San Giovanni (terminato attorno alle 3 di notte), viaggiano sul web.
Ieri sera, in Consiglio, all’ordine del giorno c’erano tra le proposte di deliberazione il Tributo Comunale sui rifiuti (TARI) e l’approvazione del Piano Finanziario del servizio di gestione dei Rifiuti Urbani; il regolamento comunale per l’applicazione del tributo sui servizi indivisibili (Tasi) e la discussa Tasi, con le aliquote e le detrazioni per il 2014.
Grande l’attesa per quest’ultimo punto, dopo l’annuncio la scorsa settimana da parte del sindaco di Sesto San Giovanni Monica Chittò dell’applicazione delle aliquote massime consentite dalla legge ovvero il 3,3%. Decisione confermata ieri sera in Consiglio comunale. Con mormorii di dissenso dell’opposizione.
“Alle 3.04 di notte ancora in Consiglio Comunale – commenta su facebook il consigliere comunale Roberto Di Stefano (FI) -. Ceti medi e bassi pagheranno il malgoverno della sinistra (debito farmacie e sprechi). Applicata aliquota massima sulla Tasi: esentate invece le case delle cooperative. Che schifo!”.
Decisa presa di posizione anche per il capogruppo della lista civica Sesto nel Cuore, Gianpaolo Caponi: “La maggioranza anziché ritirare la delibera – commenta via facebook – ha approvato una manovra che aumenta, in particolare per le fasce medio basse, le tasse locali sugli immobili applicando le aliquote ai massimi e ogni percentuale di aumento possibile. Per alcune fasce si quaduplicheranno è questa è la verità! Hanno bocciato gli emendamenti presentati dalla nostra lista civica che tutelavano e ponevano detrazioni per i disoccupati e le famiglie con studenti oltre i 18 anni! Una vergogna, dimettetevi tutti, non portate la nostra città allo sfascio sociale!”.

 

 

Circa specchiosesto

Controlla Anche

Consiglio metropolitano, confronto su Area B

Mercoledì 2 novembre, alle 16.30, in videoconferenza, si riunisce il Consiglio della Città metropolitana di …

Lascia un commento