Indagine contabile Corte dei Conti su Farmacie Comunali, Lamiranda (FdL-AN): l’opposizione volutamente non viene messa in condizioni di svolgere il suo ruolo istituzionale di controllo

Dal consigliere comunale Antonio Lamiranda (FdL-AN) riceviamo e pubblichiamo 

lamiranda antonio“L’Amministrazione comunale ed il PD ci ricascano. In data 26 febbraio 2014 ho formalizzato per via istituzionale la richiesta urgente di ricevere copia della missiva inviata al Comune dalla Procura Contabile della Corte dei Conti sullo stato dei conti dell’Azienda Speciale Farmacie Comunali e di conoscere lo stato patrimoniale e valutativo degli immobili del Comune che verranno ceduti alla costituenda srl per sanare l’enorme perdita degli anni 2011-2012-2013 e la cui esatta entità non viene comunicata ufficialmente seppure nota da tempo.
Lunedì 3 marzo 2014 i consiglieri del PD nella tradizionale riunione settimanale del gruppo hanno ricevuto dal commissario straordinario dell’azienda speciale farmacie comunali copia della lettera della Corte dei Conti da me richiesta, senza che alcuno di loro ne avesse fatto esplicita richiesta.
Un fatto grave e di scortesia istituzionale verso chi è uso a percorrere i canali istituzionali per avere informazioni.
Nella stessa riunione è stato altresì preannunciato un ulteriore stanziamento nel corrente bilancio di Euro 500mila (che si aggiunge a quello già stanziato di pari importo nel precedente bilancio) a parziale copertura della perdita spiegando ai consiglieri del PD l’intero piano di rientro del buco ed il piano finanziario.
Sembrerebbe poi che l’Amministrazione voglia anticipare il consiglio comunale già programmato per il 30 marzo p.v. sulla trasformazione dell’azienda speciale in srl al 24 o 25 marzo vanificando di fatto la programmazione dell’apposita commissione di approfondimento delle delibere da votare in consiglio già concordata e fissata tra il sottoscritto ed il Presidente Vavassori per il 20 marzo ed in prosieguo per il 26 marzo 2014.
Non metto in discussione che la maggioranza ed il PD, che hanno l’onere di approvare la delibera di trasformazione dell’azienda speciale farmacie in srl e la rettifica del bilancio 2012 e 2013 con le preannunciate grosse perdite, abbiano il diritto di discuterne preventivamente anche rispetto ai lavori di commissione, ritengo altrettanto doveroso che anche l’opposizione possa essere messa in grado di fare ciò con congruo anticipo, soprattutto quando, come il sottoscritto, segue i canali istituzionali nel richiedere gli atti e le informazioni, data la delicatezza della questione.
Sulla questione presenterò un esposto al Prefetto di Milano per segnalare la discriminazione operata tra consiglieri comunali di serie A e di serie B. Spero nella giornata di oggi di ricevere con urgenza tutti i documenti e le informazioni richieste ed aggiungerò la formale richiesta di avere copia dello statuto della nuova srl e della proposta di bilancio 2012 finale da rettificare e del piano finanziario presentato lunedì dal Sindaco ai suoi consiglieri.
E’ evidente che la maggioranza ed il Sindaco non vogliono intralci nel percorso di trasformazione e di copertura del buco di bilancio delle farmacie, anche se ciò porterà ad un devastante depauperamento del patrimonio del Comune ed un arricchimento, quasi gratuito, dei futuri proprietari delle dieci farmacie comunali, siano essi società di capitali, onlus o fondazioni.
Poi non si lamentino se seguiranno strascichi giudiziari sulla questione.
Per parte mia sulle farmacie ho sempre cercato di dare il mio positivo contributo al miglioramento dell’azienda ma se qualcuno del PD ritiene che non mi si debba degnare di attenzione poco importa dovrà darne insieme a tutti i consiglieri comunali che approveranno la delibera di conferimento degli immobili e delle modalità di ripianamento della perdita (come accaduto su altre materie) al Procuratore della Corte dei Conti e della Repubblica perché, un minuto dopo l’approvazione delle delibere di trasformazione e ripianamento della perdita con la cessione gratuita degli immobili alla costituenda srl senza che uno straccio di certificazione della Corte dei Conti, dell’Avvocatura di Stato (parere consultivo), dell’Ufficio Legale e di quello Finanziario del Comune che l’operazione come proposta e realizzata è legittima ma, soprattutto, non genera alcun tipo di danno erariale al Comune ed al suo stato patrimoniale economico ed immobiliare, presenterò un esposto alla Corte per danno erariale ed alla Procura di Monza per falso in bilancio.

Antonio Lamiranda
consigliere comunale Sesto S.Giovanni (FdI – AN)

Circa specchiosesto

Controlla Anche

2 giugno e medici di famiglia, ci scrive un lettore: la salute non conosce ponti

Gentile redazione, leggevo giorni fa di un corso in programma al nostro ospedale di Sesto …

Lascia un commento